Il nostro sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione del sito se ne accetta l'utilizzo. Per maggiori informazioni sui cookie e su come modificare le impostazioni del browser, si rimanda alla sezione Privacy.

 

caballo el 1


La foto che abbiamo scelto per questa edizione è tratta dal film Un caballo llamado Elefante (Cile, 2016) per la regia di Andrés Waissbluth e la fotografia di Enrique Stindt.
Dopo la Finlandia, Cuba, il Kurdistan, i Balcani, l'Africa, l'Argentina, la Romania, il cinema delle minoranze linguistiche spagnole, la Grecia, l'Irlanda e la Colombia, terre di confine filmfestival dedica questa dodicesima edizione al Cile e più in particolare, al tema “La libertà" in tutte le sue declinazioni: libertà di pensiero, d'espressione, fisica, religiosa, economica, geografica, linguistica, sessuale e artistica.
«Quello della dittatura è forse il concetto che più di ogni altro evoca l'immagine della negazione di libertà – ha affermato Marco Antonio Pani –, e fra le dittature del passato recente che maggior eco hanno avuto in Sardegna, quella sanguinosa di Augusto Pinochet ha sicuramente un posto d'onore».

Un'anteprima del festival ha avuto luogo il 28 dicembre 2018 alle 18h30 ad Asuni, con la proiezione del corto di animazione 'Storia di un orso' del regista cileno Gabriel Osorio. A presentare il festival e la proiezione, il regista Marco Antonio Pani, direttore artistico della rassegna e i rappresentanti dell’associazione "Su Disterru", responsabile dell'organizzazione del festival. Vedi il comunicato stampa (pdf 263 KB) del 26.12.2018.
Dopo quest'anteprima, il festival riprenderà a pieno ritmo nel marzo 2019. 

Una conferenza stampa a Cagliari, il 2 marzo 2019, presso la Cineteca Sarda, illustrerà il programma, gli ospiti e gli eventi; seguirà la proiezione di alcuni film del paese ospitato.

Vedi il programma dettagliato 2019

La fase clou di terre di confine filmfestival avrà quindi luogo in quattro sedi:

  • a Solarussa l'8, 9 e 10 marzo 2019
  • ad Alghero (mattina) e a Sassari (pomeriggio e sera) l'11 marzo 2019
  • ad Asuni il 15, 16 e 17 marzo 2019

Oltre alle proiezioni, sono previsti seminari, tavole rotonde, una masterclass e una serie di mostre foto e video installazioni.
L'ingresso a tutte le proiezioni e agli eventi, come pure le degustazioni gastronomiche, sono gratuiti.
Nella sezione 'DOVE ALLOGGIARE' segnaliamo alcune strutture di b&b e agriturismo nelle sedi del festival.
Per tutte le edizioni passate, dal 2005 al 2017-2018, si veda il nostro archivio. 

Crediti delle foto dello slider della homepage

foto dai film:

Un caballo llamado Elefante (Cile, 2016), regia di Andrés Waissbluth, fotografia di Enrique Stindt

caballo el 1

 

Cirqo (Cile, 2015), regia di Orlando Lübbert, fotografia di Miguel Bunster

CIRQO 5

 

Los niños (Cile, 2016), regia di Maide Alberdi, fotografia di Pablo Valdés

imagen LOS NINOS04

 

Machuca (Cile, 2004), regia di Andrés Wood, fotografia di Miguel Joan Littin M.

MACHUCA (1)

 

Taxi para tres (Cile, 2001), regia di Orlando Lübbert, fotografia di Patricio Riquelme. Nella foto, gli attori Fernando Gómez-Rovira (Coto) e Daniel Muñoz (Chavelo)

taxi para tres

 

Selkirk, el verdadero Robinson Crusoe (Cile, 2012) animazione, regia di Walter Tournier

selkirk 4

 

El Club (Cile, 2015) di Pablo Larraín, fotografia di Sergio Armstrong. Nella foto, l'attore Roberto Farías

el club 2015 pablo larrain 005

 

 

© 2017 Su Disterru ONLUS. Tutti i diritti riservati.